RISTRUTTURARE CASA O UN PUNTO VENDITA A TORINO – PROBLEMA N. 2 : IL PREVENTIVO CHE LIEVITA

Bene, dopo qualche settimana o mese hai faticosamente preso la decisione di RISTRUTTURARE un APPARTAMENTO, la tua CASA o il tuo NEGOZIO, quindi, hai scremato, secondo i parametri già evidenziati nel nostro precedente articolo, quali potrebbero essere le aziende di RISTRUTTURAZIONI a cui chiedere il famoso PREVENTIVO, in sostanza finalmente potrai capire quanto dovrai sborsare.

Il tuo problema allora sarà: COME SCEGLIERE IL GIUSTO PREVENTIVO SENZA ESSERE FREGATO???

In un primo tempo cercherai inutili info su Internet, (è un po’ come quando cerchiamo di diagnosticarci da soli una malattia senza essere un medico specialista), poi chiederai a parenti, amici, al postino e chi più ne ha più ne metta! Anche questo passo, purtroppo, non sarà vincente, nonostante tutti noi ci sentiamo un pochino degli “esperti in tuttologia”.

Rassegnato, ti deciderai a chiedere formalmente un preventivo, diciamo ad almeno 3 o 4 delle aziende selezionate, sarà allora che ti troverai davanti a questa situazione: ce ne sarà uno nettamente più basso rispetto agli altri, uno clamorosamente più alto rispetto agli altri, e altri abbastanza allineati gli uni con gli altri.

Il problema è che, a meno che tu non sia un tecnico, non riuscirai a decifrare quello che c’è scritto nel preventivo, non è colpa tua, in tutti i settori esiste un vocabolario preciso per gli addetti ai lavori e spesso questi si dimenticano che i clienti non sono degli esperti e perciò possono non capire di che diavolo si stia parlando. Pensa, ad es. , di quella  volta che hai provato a leggere il decreto ingiuntivo scritto dal tuo avvocato per recuperare il saldo di una fattura che non ti è stato pagato da qualche furbastro. 

Stavo dicendo… non riuscirai a capire nel dettaglio il preventivo e magari non riuscirai a cogliere le differenze di materiali e lavorazioni, quindi, l’unico parametro di riferimento purtroppo sarà il prezzo.

Le scelte più facili e sbagliate allora saranno:

  • Scegliere il preventivo più basso: penserai “questo è il più onesto e io ho anche pochi soldi da spendere, quindi sai che c’è, scelgo QUESTA IMPRESA!”. Ecco, di solito dietro il preventivo molto più basso rispetto alla media c’è una fregatura, che si può concretizzare in quattro situazioni:

1-l’impresa ha fatto un preventivo al ribasso per farsi scegliere e in corso d’opera utilizzerà  qualunque motivazione per giustificare nuovi costi da sostenere (in questo caso sei fregato e non hai armi per difenderti);

2– l’impresa ha redatto un preventivo poco trasparente, cioè pieno di diciture scritte con un carattere talmente piccolo che nemmeno con una lente d’ingrandimento saresti in grado di leggere, diciture che escludono dal costo complessivo materiali o passaggi indispensabili, pensa al montaggio o al trasporto.

Il risultato sarà che alla fine avrai speso, nella più rosea delle ipotesi, quello che avresti speso scegliendo l’impresa con il preventivo più alto, con l’aggravante che questi hanno fatto i furbi, quindi, la domanda successiva potrebbe essere : perché l’hanno fatto? Hanno bisogno di questi trucchetti per lavorare?

3-l’impresa ha fatto un preventivo più basso perché non è in regola, non ha tutta la documentazione obbligatoria per lavorare, ad es. l’Iscrizione alla camera di Commercio o il Documento Unico di Regolarità contributiva (DURC) oppure ancora i suoi dipendenti non hanno un regolare contratto;

4-L’impresa utilizza materiali scadenti e manodopera non specializzata e sottopagata;

  • Scegliere il preventivo più alto: facilmente penserai: ” se il preventivo è così alto vuol dire che è un’azienda che non ha bisogno di fare prezzi stracciati per lavorare, vuol dire che  offre tutte le garanzie di cui ho bisogno, mi assicura materiali di pregio e operai specializzati”. Occhi, però, se capita questo: telefoni e chiedi uno sconto e questa te lo concede senza battere ciglio! Questo è una prova del fatto che il preventivo era gonfiato! In questo caso, quindi, se firmi il preventivo sei stato fregato e di certo questo non è un buon inizio!

QUALE  PREVENTIVO SCEGLIERE ALLORA?

Il preventivo che è dotato di queste caratteristiche:

1- dettagliato e comprensibile;

2-il costo complessivo delle opere non è scontato a richiesta del cliente senza giustificato motivo;

3-indica con un carattere leggibile quali imprevisti, che potrebbero comportare un aumento dei costi, potrebbero sopravvenire;

4-indica con un carattere leggibile il costo extra che questi imprevisti potrebbero comportare;

5-prospetta 2 soluzioni che rispondono in modo efficace alle esigenze e ai problemi dei clienti;

6-indica in modo trasparente il costo massimo  che il cliente potrà affrontare per ogni opera, costo che non deve escludere niente di prevedibile;

7-indica il tempo massimo per realizzare l’opera;

8-prevede che una percentuale dell’importo complessivo sia pagato a lavoro concluso, questa è una sorta di mini garanzia a tuo favore su problemi a breve termine che potrebbero nascere.

 

Qui dalla STOCCO è TUTTO!

Rimanete connessi!

P.s Vuoi contattarci? Hai bisogno di una mano? Fissa subito un appuntamento allo 011.2476564 oppure scrivici a info@stoccocontract.it!

TORINO – MILANO

Nessun commento

Pubblica un commento